La digitalizzazione del performance management: 5 benefici

Costruire una forza lavoro informata, affidabile e reattiva è fondamentale per qualunque azienda e, in tal senso, non si può prescindere da una regolare misurazione delle performance. Per questa ragione ci si rivolge sempre più spesso a software che permettono la digitalizzazione del processo di valutazione del personale.

I software per la valutazione delle performance sono una tecnologia ormai ampiamente diffusa nelle aziende di tutto il mondo. Il loro utilizzo semplifica e snellisce il processo di appraisal sia per i manager che per i professionisti HR, dando allo stesso tempo ai dipendenti la possibilità di dare il proprio feedback e di autovalutarsi. Ma quali sono nel concreto le aree che traggono maggior beneficio dalla digitalizzazione del performance management?

1. Assegnazione di obiettivi a breve termine

Il processo di valutazione delle performance permette ai manager di definire delle aspettative in termini di risultati richiesti, di dare dei feedback e di favorire lo sviluppo dei dipendenti. La facilità e l’immediatezza garantite dai software HR permettono di assegnare e monitorare obiettivi non soltanto nel momento dell’anno designato per la valutazione, ma in maniera costante. In questo modo sarà più semplice garantire il coinvolgimento dei collaboratori.

2. Assegnazione degli obiettivi a lungo termine

La seconda area coinvolta è quella del goal setting di più ampio respiro. Gli obiettivi a lungo termine devono essere specifici, misurabili, raggiungibili e focalizzati Definire e proporre obiettivi di questo tipo diventa molto più semplice all’interno di una piattaforma HR dedicata, in grado di schematizzare meglio i contenuti, garantendone una maggiore chiarezza ed efficacia.

3. Formazione e sviluppo

La terza area coinvolta è quella della formazione e sviluppo dei collaboratori. I software sono in grado di supportare la revisione delle skill e far emergere in maniera automatica i fabbisogni formativi dei dipendenti, suggerendo anche i corsi più adeguati per colmarli. Allo stesso tempo, coinvolgendo i valutati nel processo, sarà possibile raccogliere i loro feedback sulle proposte formative e, quando possibile, adeguare la pianificazione di conseguenza.

4. Trasparenza e consapevolezza

Il quarto aspetto è legato a trasparenza e consapevolzza, elementi imprescindibili all’interno di qualunque contesto aziendale. È fondamentale, ad esempio, che ogni dipendente comprenda i propri punti di forza e in quali aree sia invece necessario intervenire per ottenere risultati migliori. I software HR permettono ai dipendenti di autovalutarsi, verificando quindi la coerenza tra la loro percezione e quella dei manager. La digitalizzazione del performance management, in tal senso, rende più semplice per tutte le parti in causa esprimersi in maniera costruttiva a beneficio della crescita dell’intera organizzazione.

5. Continuous feedback

La quinta area è correlata alla registrazione del risultato del colloquio di valutazione, in cui i sistemi elettronici possono ancora una volta essere di grande aiuto. È importante che i colloqui non siano relegati a un’unica sessione annuale di valutazione; dovrebbero invece essere incontri regolari per analizzare insieme passo passo le performance in funzione degli obiettivi stabiliti e verificare gli effetti della formazione e del coaching.

Potrebbe interessarti anche

Vuoi ricevere gli ultimi trend HR?

Iscriviti gratuitamente alla newsletter di HRTools, riceverai ogni settimana i nostri contenuti esclusivi

Oppure scopri di più su HRTools, 
il software per la gestione digitale dell’HR