Vantaggi(e svantaggi) dell’incontro tra tecnologia e HR

La tecnologia sta cambiando il mondo come lo conosciamo, e come interi settori e aziende si sono evoluti di conseguenza, la stessa cosa è accaduta nello specifico per le risorse umane. Un reparto risorse umane forte è essenziale per ogni azienda e l’avvento della nuova tecnologia può rappresentare un mezzo per migliorarne l’efficacia. Ma in un ambito così “human-centric”, la nuova tecnologia non necessariamente si traduce in un miglioramento. Ecco quattro trend della HR technology che, nel bene e nel male, stanno cambiando le pratiche dello Human Resource Management.

Piattaforme di gestione HR

È indubbio che i portali di Human Resource Management rappresentino un eccellente strumento digitale in mano agli HR, in grado di migliorare notevolmente l’esperienza dei dipendenti e aumentarne il coinvolgimento. Possono infatti diventare un riferimento per quasi tutto ciò di cui un dipendente può aver bisogno: si può dare l’accesso a moduli, manuali, buste paga, dati contrattuali e retributivi, presentare un reclamo, visualizzare un calendario aziendale di eventi e molto altro. Inoltre, con la diffusione sempre più ampia del performance management, i dipendenti possono anche avere l’opportunità di consultare le proprie schede di valutazione e magari dare un feedback.

Nel 2018, ignorare questo genere di piattaforme non può che avere conseguenze negative. Impedire ai dipendenti di accedere alle informazioni di cui hanno bisogno può non solo creare confusione ma, soprattutto, imporre un caricamento inutilmente oneroso al reparto HR, che si ritrova costretto a dedicare gran parte del suo tempo a richieste continue e pressanti anziché concentrarsi sul portare avanti il piano di gestione stabilito. Un tale scenario può diventare altamente improduttivo e mostra chiaramente l’importanza di implementare una piattaforma di questo tipo, che sia di facile utilizzo da parte dei dipendenti oltre che, ovviamente, dei manager.

Registri digitali

L’introduzione di elementi digitali nell’onboarding, offboarding, nelle revisioni delle prestazioni, nei sondaggi tra i dipendenti, nel libro paga e tutto ciò che sta in mezzo rende l’organizzazione più agile. Qualsiasi documento può essere richiamato e rivisto in un attimo, risparmiando molto tempo e lavoro intenso. Soprattutto, documentare ogni cosa in modo appropriato (in particolare reclami, richieste di informazioni e altre segnalazioni) contribuisce alla riduzione di rischi e responsabilità per l’organizzazione. Il diritto del lavoro è complicato, pertanto adottare misure adeguate, mantenendo dei registri digitali aggiornati è molto importante per scongiurare qualsiasi rischio in tal senso.

VANTAGGI(E SVANTAGGI) DELL’INCONTRO TRA TECNOLOGIA E HR

Digital Training

Gran parte delle organizzazioni è ormai consapevole dell’importanza della formazione per i propri dipendenti. La tecnologia sta rendendo questo processo sempre più digitale e, secondo Forbes, questo trend potrebbe diventare distruttivo anziché produttivo. Si tratta di un argomento delicato poiché quello HR è storicamente un reparto quasi sempre a corto di personale. Unendo a ciò l’utilizzo di tecnologie digitali per la formazione (e-learning) si ottiene un ambiente professionale sempre meno “umano”, in cui i dipendenti si ritrovano a fissare passivamente gli schermi dei loro computer senza in realtà trarne alcun beneficio. Troppo spesso in questo scenario, infatti (specialmente quando il reparto HR è sottodimensionato), è facile per un dipendente limitarsi ad aspettare che un video obbligatorio termini per poter passare a quello successivo, senza concentrarsi effettivamente su quanto mostrato. La formazione, in particolare quella sulle soft skills e sulle tecniche manageriali, è un elemento imprescindibile per la crescita aziendale e affidarsi completamente ai metodi digitali può essere estremamente rischioso. Può essere invece utile gestire tutti gli aspetti di una formazione “dal vivo” con una piattaforma HR, che raccolga tutte le informazioni e i materiali e li metta a disposizione dei dipendenti in maniera semplice e veloce.

Intelligenza artificiale e Blockchain

Le tecnologie di IA e blockchain hanno già distrutto diverse industrie e anche le risorse umane stanno iniziando a sperimentarne gli effetti negativi. L’intelligenza artificiale comincia ad essere utilizzata anche per l’analisi delle prestazioni e gli esperti prevedono che la blockchain sarà sempre più utilizzata dalle risorse umane nel processo di recruiting. Anche se le app e gli strumenti che usano queste tecnologie sono tecnicamente impeccabili, ci vorrebbero anni e forse decenni prima che i dipendenti inizino a fidarsi e sentirsi a proprio agio col fatto che un computer abbia un ruolo così importante nel determinare il successo o l’insuccesso delle loro carriere.

Ciò renderà l’elemento “umano” dato dalla gestione HR più importante che mai, poiché l’equilibrio tra tecnologia e persone diventa fondamentale. Mentre le piattaforme HR e il mantenimento dei registri digitali possono essere strumenti fantastici per le risorse umane, bisognerebbe evitare di affidare troppo controllo a tecnologie come l’intelligenza artificiale e continuare a lasciare la gestione di aspetti delicati come recruitment e analisi delle performance a manager in carne ed ossa, capaci di andare oltre ai meri dati di un CV o ai numeri di una scheda di valutazione.

La tecnologia insomma resta un supporto estremamente utile e per certi versi irrinunciabile anche per un reparto “umano” come quello HR. L’importante è essere consapevoli che le macchine non possono sostituire l’uomo in tutto e che certi compiti devono e dovranno sempre rimanere appannaggio delle risorse umane.

Leave a Comment